attrazioni e sport

Attrazioni e sport > parco delle Orobie Valtellinesi e riserve

 

RISERVA NATURALE BOSCO DEI BORDIGHI

La Riserva Naturale del Bosco dei Bordighi si sviluppa nei pressi della cittadina di Sondrio e presenta un'estensione di circa 50 ettari. Su questo territorio crescono e sono osservabili specie vegetali molto antiche e rare.

 

  • Ente Gestore: Comunità Montana Valtellina di Sondrio
  • Sede: Via Nazario Sauro, 33 - 23100 Sondrio (SO)
  • Tel: 0342/210331
  • Fax: 0342/210334
  • Superficie: 40 ha
  • Provincia: Sondrio
  • Istituzione: 1994

La Riserva Naturale del Bosco dei Bordighi si sviluppa nei pressi della cittadina di Sondrio e presenta un'estensione di circa 50 ettari. Su questo territorio, la cui altitudine varia da 286 a 360 metri s.l.m., crescono e sono osservabili specie vegetali molto antiche o comunqe rare, che grazie a questo particolare contesto hanno evitato l'estinzione. Al fine di salvaguardare tale patrimonio naturale e di farlo conoscere a chi si occupa di materie scientifiche o semplicemente si interessa dell'ambiente in cui vive, nel 1989 viene istituita tale Riserva ora gestita Comunità Montana Valtellina di Sondrio.

 

Per maggiori informazioni >>

riserva naturale del bosco dei bordighi

ASPETTI GEOMORFOLOGICI

La Riserva si estende lungo il fondovalle del fiume Adda, tra il suo corso attuale e le prime ramificazioni laterali della catena orobica. La parte pianeggiante è costituita da alluvioni recenti prevalentemente sabbiose e conoidi di deiezione in corrispondenza dello sbocco delle valli laterali (Piano, Poratti). Il tratto in pendio, tra gli abitati di Bordighi e Poratti, è invece formato da depositi morenici di età pleistocenica (primo periodo dell'età quaternaria, nel quale sono comprese le glaciazioni e compare l'uomo) e formazioni rocciose metamorfiche appartenenti agli "scisti di Edolo" (micascisiti muscovitici a chimismo pelitico di origine molto antica).
La morfologia è in prevalenza pianeggiante (piane di Piano e di Poratti), ad eccezione degli argini e delle scarpate fluviali, con dislivelli contenuti (ca. 3-4 m) che permettono il differenziarsi della vegetazione in base al diverso grado di umidità. Nell fascia che si sviluppa tra il nucleo di Bordighi e la piana di Poratti il fiume scorre invece a ridosso del versante, formato da pendii piuttosto ripidi (quasi sempre con inclinazione maggiore di 30°), con locali affioramenti rocciosi; il dislivello massimo è di ca. 60 m.

riserva naturale del bosco dei bordighi

LA VEGETAZIONE

Si tratta di un bosco ripariale, ovvero che si sviluppa lungo le rive di un fiume, l'Adda per l'appunto. Le specie che qui crescono si differenziano l'una dall'altra a seconda della vicinanza dalla riva e quindi dell'acqua disponibile.

Le specie più diffuse sono il salice bianco, alcuni dei quali di grosse dimensioni, il salice da vimini, il salice ripaiolo, l'ontano bianco e nero, il pioppo nero, associati ad arbusti quali la sanguinella, il viburno, la fusaggine, il sambuco. Nell'area si trovano zone prative con forme di agricoltura di tipo tradizionale e una parte di bosco submontano, caratterizzato da castagno. Non mancano però alcune zone alterate con un'alta presenza di specie invasive quali la robinia e il crespino.
Per quanto riguarda la parte pianeggiante dell'area, la cui situazione è la più frequente che si incontra, troviamo formazioni forestali di latifoglie caducifoglie mesofile (farnia, carpino bianco) e da boschi igrofoli (pioppi, salici e ontani). Più ridotte invece sono le vegetazioni azonali come ad esempio incolti igrofili (cariceti, canneti). Non mancano pioppeti e i coltivi irrigui, di mais soprattutto, derivanti comunque da collocazioni artificiali. Lo stesso vale per le tipologie a struttura lineare, come siepi e filari.
Le zone in pendio, dove minore è la disponibilità idrica per l'assenza di falda superficiale e le perdite per ruscellamento, si prestano alla presenza del bosco di latifoglie caducifoglie, tendenzialmente acidofile, a dominanza di Quercus petraea e Castanea sativa.
Per quel che riguarda la flora troviamo licheni, briofite e piante vascolari.
Vi invitiamo a visitare le pagine del sito dedicate alla cittadina di Sondrio in cui troverete consigli per nuove visite culturali ma anche informazioni sulla gastronomia locale, sui prodotti tipici e sulle manifestazioni della zona.

 

Condividi