attrazioni e sport

Attrazioni e sport > Sport estivi

 

ARRAMPICARE IN VALMALENCO

Chiareggio - Falesie dello Zoia - Falesie del Valdone

 

 

 

Chiareggio in Valmalenco è una tra più note località turistiche in quota delle Alpi, culla della storia alpinistica e sede di gloriose scuole di alpinismo.

Già a partire dal dopoguerra alcune pareti vicine all'abitato vennero utilizzate come palestra e scuola di roccia.

Con l'avvento dell'arrampicata libera, dopo la metà degli anni '70, i "sassisti" trovarono su queste brevi strutture di fondovalle un terreno di gioco ideale per sperimentare la nuova filosofia e tecnica di arrampicata.

L'evoluzione dell'arrampicata sportiva ampliò il campo d'azione con nuove e più difficili vie attrezzate.

Negli ultimi anni il terreno di gioco degli arrampicatori si è ampliato con la riscoperta del bouldering, ovvero la scalata sui massi alti pochi metri disseminati dalla piana di Chiareggio sino al Rifugio Gerli-Porro. Tutte le pareti descritte si trovano in un contesto di alta montagna di grande bellezza, dai 1500 metri dei massi di Senevedo, collocati in piccole radure nascoste nella pecceta, alla piana di Chiareggio, agli alti pascoli dell'Alpe Ventina dei 2000 metri.

 

 

Scarica il depliant:

 

Pannelli-Chiareggio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

falesie dello zoia

 

 

 

 

 

 

 

 

Falesie dello Zoia

Falesie di Campo Moro. Accesso: da Sondrio, seguire la sinistra idrografica fino a raggiungere la Valmalenco. Da Lanzada seguire la strada per Campo Franscia e poi per le dighe di Campo Moro e Gera.

 

Guarda il video del campione mondiale Adam Ondra sulle falesie dello Zoia

http://www.youtube.com/watch?v=-oNoAdDqxbM&feature=channel_video_title

 

Accesso

Da Campo Franscia salire per la strada ENEL fino Campo Moro (7 km); dopo una curva, in vista del muro della seconda diga, lasciare l'auto nel grande piazzale del Ristoro Poschiavino, sotto il Rifugio Zoia.
A piedi in pochi minuti al rifugio e seguendo il sentiero per altri 5 minuti fin sotto il settore basso (sulla dx del sentiero). Proseguendo lungo il sentiero per pochi minuti si passa alla base del settore centrale mentre per il settore alto proseguire ancora finchè la traccia passa sotto gli atrapiombi e, girato l'angolo, un'evidente muro rossastro (10/15 minuti dal parcheggio).

 

 

Intro-arrampicata-allo-Zoia

Primo-Settore-Zoia-Bassa-Parete-Sud-Est

Primo-settore-Zoia-Bassa-parete-Sud-Ovest

Secondo-settore-esposizione-Sud-Ovest

Terzo-settore-Zoia-Alta-esposizione-Sud-Sud-Ovest

Zoia-nuova-esposizione-sud-est

Zoia-nuova-esposizione-Sud-Ovest

 

Parete del Valdone

 

falesia del valdone

 

Falesie del Valdone

Salendo da Sondrio, dopo il ponte del Valdone, si situa la località Cagnoletti dove si deve lasciare l'auto.

Le pareti di gness del Valdone sono state attrezzate dalle Guide alpine Malenco su incarico del Comune di Torre di S. Maria per incentivare la pratica sportiva dell'arrampicata attraverso l'individuazione, la pulizia e la segnalazione di numerosi percorsi di ogni difficoltà su questa storica palestra degli arrampicatori sondriese.

Nel dare il venvenuto a tutti gli scalatori ricordiamo che trattandosi di un'area naturale non gestita nè custodita richiamiamo l'attenzione alle norme di comportamento e sicurezza sotto esposte. Parcheggio presso la chiesetta di Cagnoletti.

 

Norme di comportamento e sicurezza

quadratoL'arrampicata è uno sport potenzialmente pericoloso, che lo pratica lo fa a suo rischio e pericolo, si raccomanda pertanto di attenersi strettamente alle norme sotto indicate.

quadratoAttrezzatura necessaria: corda singola da 50 metri minimo, 12-15 rinvii, freno/discensore e longe di assicurazione per le vie di più lunghezza.

Scegliete i percorsi in base alle vostre capacità del momento (norme e difficoltà delle vie scritte alla base).

quadratoVerificate comunque lo stato della chiodatura, utilizzate il casco protettivo e attrezzature omologate.

quadratoE' necessario conoscere perfettamente le tecniche di progressione, assicurazione e calate in parete: ciò vale soprattto per affrontare le vie di più lunghezze di corda. Data la natura strapiombante della parete, per le calate è obbligatorio l'uso del nodo autobloccante e bisogna porre attenzione ad eventuali cordate impegnate alla base.

quadratoNon modificare in alcun modo le vie scavando o alterando appigli o appoggi.

quadratoSorvegliate e accompagnate i minori nei momenti di arrampicata.

quadratoRispettate l'ambiente ed il silenzio circostanti, non abbandonate rifiuti ed evitate inutili schiamazzi. Il libro delle vie è consultabile presso il ristorante Valdone.

 

 

Condividi