• Montagne
    • Active & Green
    • Escursionismo e Trekking

Val Malgina

Una delle valli più selvagge e meno conosciute della Valtellina

La Val Malgina è una delle valli meno conosciute delle Orobie valtellinesi, che si presta al canyoning, all'arrampicata anche su ghiaccio e all'alpinismo.  Aspra e poco accessibile per l'assenza di strade, mantiene inalterato il suo fascino selvaggio, grazie alla fitta vegetazione che la caratterizza: boschi di conifere, prateria alpina, vaste distese di rododendri, ontani e ginepri. La valle è attraversata dal torrente omonimo e solcata dal ripido e stretto Canalone della Malgina, il più lungo delle Orobie Valtellinesi, con i suoi 1400 metri di precipizio. Uno scenario a cui fanno da sfondo la Cima del Druet (m. 2913) e il Pizzo del Diavolo di Malgina (m. 2926).  

La val Malgina è raggiungibile da Castello dell'Acqua, seguendo le indicazioni per La Paiosa - Carro. Per proseguire oltre la località La Paiosa, è indispensabile un piccolo fuoristrada. 

BIVACCO PIAN DELLA VALLE

Il bivacco Pian della Valle (1187 m s.l.m.) è stato costruito al limitare di uno spiazzo erboso tra i boschi della Val Malgina. Il bivacco, aperto tutto l'anno, è una costruzione in muratura formata da un solo locale, contiene un tavolo, sedie, stoviglie, un camino e della legna da ardere, oltre a quattro letti di legno, ma mancano materassi e coperte. Una fontana antistante l'edificio fornisce l'acqua, seppur non sempre in quantità sufficiente. Proseguendo oltre il bivacco bastano una ventina di minuti per giungere ai suoi piedi e poter ammirare anche alcune cascate.

BIVACCO LA PETTA

In val Malgina troviamo anche il Bivacco La Petta, a quota 1452 m s.l.m., in una radura alla destra del canalone della Val Malgina. Il bivacco è una costruzione in pietra, che contiene un tavolato in legno con uno spazio sufficiente per 5/6 persone ed è munito di sacchi a pelo. Dispone inoltre di un tavolo in legno con relative panche, un armadietto, alcune stoviglie, legna e un angolo a terra dove è possibile accendere il fuoco. L'acqua va recuperata all'ultimo guado che si incontra. Il bivacco è aperto tutto l'anno, ma è consigliabile raggiungerlo nel periodo estivo quando il percorso è classificabile come EE; con neve o ghiaccio le difficoltà sono ben maggiori e richiedono attrezzatura adeguata.

Photo: Federico Pollini

Vedi anche

Castello dell'Acqua

Castello dell'Acqua

Castello dell'acqua sorge ai piedi del contrafforte che si dirama dal pizzo Coca e separa la valli dei torrenti Malgina e Armisa sorge Castello dell'Acqua, con le caratteristiche contrade che conservano chiese, affreschi e testimonianze della vita rurale.

MTB - Castello dell'Acqua, alpe Piazzola

Castello Dell’Acqua-Cavallari Centro Sportivo, Sentiero Valtellina, Baghetto, P.Roma, Piazzola, I Prati, Annunziata, La Pila di Cortivo, La Fucina, Castello Dell’Acqua-Cavallari Centro Sportivo
  • Bike
MTB - Castello dell'Acqua, alpe Piazzola

MTB - Percorsi a Castello dell'Acqua

Una rete di sentieri ben tenuti e segnalati da esplorare a piedi o in mountain bike, per andare alla scoperta dei mestieri di un tempo e di panorami mozzafiato.
  • Bike
MTB - Percorsi a Castello dell'Acqua

Nuclei rurali di Castello dell'Acqua

  • Arte e Cultura
Nuclei rurali di Castello dell'Acqua