• Arte e Cultura

Santuario di Primolo

Sorto nella seconda metà del Seicento, il Santuario della Beata Vergine delle Grazie di Primolo è tuttora meta di pellegrinaggi e luogo di devozione. Costruito nel 1688 su un dosso dal quale si domina la conca di Chiesa Valmalenco, gode di una splendida posizione panoramica.

I frazionisti della contrada desideravano costruire una chiesa per le proprie necessità spirituali, poiché vivevano il disagio di doversi recare a Chiesa per assistere alle funzioni religiose. Ma mentre gli abitanti di Primolo pensavano a una chiesa modesta, il parroco Giovanni Chiesa mirava ad erigere un santuario collocato in un luogo ben visibile da tutta la Valle, tale da divenire una meta di pellegrinaggio e di devozione mariana. Dopo anni di disaccordo, il parroco riuscì a convincere i primolesi ad erigere il santuario che egli avrebbe voluto chiamando in causa la Madonna la quale, stando al racconto di una fonte settecentesca, dovette apparirgli in sogno ordinandogli di erigere un santuario in suo onore proprio nel luogo dove lui stesso avrebbe desiderato costruire.

Nel corso del Settecento il santuario divenne uno dei presidi mariani valtellinesi di maggiore devozione, tale da ricevere, nel 1765, il riconoscimento dell’incoronazione della statua della Madonna, un privilegio che a quell’epoca era stato conferito soltanto ai due santuari più rilevanti della provincia, ossia quello della Madonna di Tirano e quello della Madonna di Gallivaggio.

Sin dai primi anni in cui fu costruito, il santuario divenne ben presto meta di devozione e di pellegrinaggio da parte di un intenso flusso di fedeli attirati anche dai paesi vicini, ma soprattutto luogo ove impetrare grazie e protezione alla Vergine, così come testimoniano ancor oggi alcune tavolette ex voto molto antiche.

Si consolidò ben presto la consuetudine di celebrare la festa del santuario la prima domenica d’agosto, così come v’è ragione di ritenere che anche la tradizionale processione con la statua della Madonna per le vie del paese abbia avuto origine in concomitanza con la costruzione del santuario stesso. La sera precedente venivano accesi, in gran numero i falò notturni sugli alpeggi della Valle, una tradizione che costituiva non solo un momento di festa comunitaria, ma soprattutto un segno di devozione a Colei che i Malenchi sentivano come la ‘loro’ Madonna, ossia la Madonna di Primolo.

Nel corso dei tre secoli di vita del santuario, la devozione alla Madonna di Primolo ha portato alla nascita di tradizioni in cui si sovrappongo elementi sacri e profani: è il caso della ben nota tradizione del ‘grattare il vetro’ della nicchia dove è conservata la statua della Madonna da parte delle donne in cerca di marito.

Fonte - Ecomuseo della Valmalenco

Portami qui: Santuario di Primolo

Luoghi

Hotel Palù**

  • Montagne
Hotel Palù**
141 mt

Hotel La Lanterna***

  • Montagne
Hotel La Lanterna***
405 mt

Appartamento Schenatti Anna Trilocale

  • Montagne
Appartamento Schenatti Anna Trilocale
409 mt

Hotel Roseg***

  • Montagne
Hotel Roseg***
422 mt

Casa Parrocchiale di Primolo

  • Arte e Cultura
Casa Parrocchiale di Primolo
422 mt

Hotel Pigna d'oro***

  • Montagne
Hotel Pigna d'oro***
431 mt

Hotel Funivia***

  • Montagne
Hotel Funivia***
446 mt

Hotel Genzianella***

  • Montagne
Hotel Genzianella***
449 mt

Appartamento Funivia 24

  • Montagne
Appartamento Funivia 24
485 mt

Appartamento Funivia 26

  • Montagne
Appartamento Funivia 26
485 mt

Appartamento Funivia 25

  • Montagne
Appartamento Funivia 25
485 mt

Meublé La Betulla***

  • Montagne
Meublé La Betulla***
507 mt

Appartamento Schenatti Fabrizio

  • Montagne
Appartamento Schenatti Fabrizio
557 mt

Appartamento Sem Silvina

  • Montagne
Appartamento Sem Silvina
580 mt

B&B Terre Aromatiche

  • Montagne
B&B Terre Aromatiche
585 mt

Hotel Miravalle**

  • Montagne
Hotel Miravalle**
593 mt

L'antico Giovello

  • Parchi e Paesaggi
L'antico Giovello
647 mt

Hotel Motta**

  • Montagne
Hotel Motta**
820 mt

Noleggio Rent Bike Palù

  • Active & Green
Noleggio Rent Bike Palù
822 mt

Alpi Retiche

Cime imponenti come il Disgrazia, il Pizzo Bernina e il Pizzo Scalino abbracciano la Valmalenco.
  • Inverno
Alpi Retiche
944 mt

Eventi

Dante a Sondrio

25/03/2021 - 31/12/2021
  • Arte e Cultura
Dante a Sondrio
11.76 km

ScargaàMuut

02/10/2021 - 03/10/2021
  • Montagne
ScargaàMuut
13.98 km

Dove dormire

CA' ERMINIA

Chiesa in Valmalenco
CA' ERMINIA
447 mt

PIGNA D'ORO

Chiesa in Valmalenco
PIGNA D'ORO
477 mt

GENZIANELLA

Chiesa in Valmalenco
GENZIANELLA
656 mt

RIFUGIO ALPE PONTE

Lanzada
RIFUGIO ALPE PONTE
2.15 km

MIRAGE

Lanzada
MIRAGE
2.21 km

CAMPEGGIO PRADASC

Lanzada
CAMPEGGIO PRADASC
2.52 km

RIFUGIO MOTTA

Chiesa in Valmalenco
RIFUGIO MOTTA
2.91 km

RIFUGIO LAGO PALU'

Chiesa in Valmalenco
RIFUGIO LAGO PALU'
3.82 km

B&B BERNINA

Torre di Santa Maria
B&B BERNINA
4.47 km

RIFUGIO VENTINA

Chiesa in Valmalenco
RIFUGIO VENTINA
5.8 km

RIFUGIO GERLI PORRO

Chiesa in Valmalenco
RIFUGIO GERLI PORRO
5.89 km

RIFUGIO BOSIO GALLI

Torre di Santa Maria
RIFUGIO BOSIO GALLI
6.57 km

GEMBRO

Chiesa in Valmalenco
GEMBRO
6.62 km

RIFUGIO LONGONI

Chiesa in Valmalenco
RIFUGIO LONGONI
6.66 km

AL PRATO

Torre di Santa Maria
AL PRATO
6.71 km

RIFUGIO TARTAGLIONE - CRISPO

Chiesa in Valmalenco
RIFUGIO TARTAGLIONE - CRISPO
7.19 km

RIFUGIO ZOIA

Lanzada
RIFUGIO ZOIA
7.23 km

RIFUGIO POSCHIAVINO

Lanzada
RIFUGIO POSCHIAVINO
7.23 km

RIFUGIO CARATE

Lanzada
RIFUGIO CARATE
7.69 km

RIFUGIO CRISTINA

Lanzada
RIFUGIO CRISTINA
7.99 km