• Montagne
    • Parchi e Paesaggi

Orto botanico d'alta quota

Le quattro stagioni nei Comuni di Valmalenco e Val Poschiavo

L'orto Botanico d'altura E.Dioli nasce all'interno del Programma Italia Svizzera Interreg B-ICE&Heritage,  grazie al lavoro di un gruppo di persone che hanno messo in comune competenze, esperienza e passione per costruire uno spazio che potesse unire l'amore per la montagna, la bellezza dei luoghi, le tradizioni con la ricerca scientifica in una dimensione di inclusività assolutamente unica, per un sito posto in alta quota.

L'architetto Roberto Saporiti, l'ortoterapeuta Margherita Volpini, l'esperta in etnobotanica Gelsomina Fico e la sua equipe del DISFARM, con il supporto del Comune di Caspoggio e di ERSAF, hanno potuto rendere ancora più bella e comprensibile la montagna, le sue storie, la sua gente.

L’orto botanico d’altura di Sant’Antonio si pone come spazio e un contesto educativo per trasmettere amore per l’accoglienza, per l’unicità della persona e per l’educazione. Uno spazio rispettoso della natura, che sia generatore di possibilità, di apprendimento e relazioni significative. Avere a disposizione un luogo bello, invitante, curato deve essere un diritto di tutte le persone e ancor di più di quelle fragili, per cui la natura non è sempre così praticabile. L’ orto oltre ad ospitare specie protette oggetto di ricerca e tutela scientifica, è luogo di relazione e per la relazione aperto a tutti, capace di promuovere l’inclusione, la socialità, la relazione con la natura. La progettazione degli spazi (larghezza e materiale dei camminamenti, sedute, aiuole, cassoni rialzati, laghetto, cartellinatura) è stata studiata e realizzata per rendere accessibile la natura a tutti in base ai propri bisogni e obiettivi attraverso due modalità di benessere nel verde distinte ma fra loro complementari. Quella “attiva” che prevede attività di orticoltura terapeutica, didattica, passeggiate e laboratori ludici-creativi. Quella “passiva”, di contemplazione,  la natura infatti possiede anche una propria “attività riflessa” sul benessere della persona, studi scientifici dimostrano che anche la semplice osservazione delle piante e del paesaggio circostante migliora la qualità di vita della persona a livello fisico, relazionale, psicologico e cognitivo.

L’Orto botanico d’altura E. Dioli e l’Orto botanico didattico di Caspoggio, veri e propri “musei a cielo aperto”, nascono da un’indagine etnobotanica condotta in Valmalenco dal 2019 al 2022 e rappresentano un patrimonio culturale unico e identitario di questo territorio. Ospitano specie vegetali di interesse in merito alle tradizioni d’uso locali e le attività divulgative proposte rendono i visitatori consapevoli della ricchezza del patrimonio di conoscenze connesso all’uso delle specie vegetali. L’Orto botanico d’altura è situato in località S. Antonio di Caspoggio e prevede l’accoglienza di sessanta specie vegetali suddivise in otto aiuole tematiche dedicate ai settori d’uso più citati emersi dall’indagine etnobotanica: bellezza,  medicina tradizionale, cura degli animali, tradizione culinaria malenca, giochi antichi, cosmesi, produzione di manufatti ed edilizia ed infine l’aiuola rituale scaramantica. A supporto della visita è prevista una cartellinatura, studiata per soddisfare le iniziali curiosità e poi, ci si può affidare alle guide, per scoprire i segreti più reconditi di questo luogo incantato. Tra gli usi tradizionali più citati spicca l’impiego medicinale. Ancora oggi, piante come arnica (Arnica montana L.), erba iva (Achillea moschata Wulfen), malva (Malva sylvestris L.), pino mugo (Pinus mugo Turra) e iperico (Hypericum perforatum L.) vengono largamente impiegate nella medicina popolare per trattare malanni stagionali, nonché veri e propri disturbi.

APERTO DA META' MAGGIO A META' SETTEMBRE.
Venerdì pomeriggio - Sabato e Domenica

Maggiori informazioni su: https://www.ortobotanicocaspoggio.it/


Allegati

Scarica il depliant
Progetto per le scuole
Portami qui: Orto botanico d'alta quota

Dello stesso tema

La galaverna e i gattici

Le quattro stagioni nei Comuni di Valmalenco e Val Poschiavo
  • Montagne
La galaverna e i gattici

Di profumo in profumo lungo il Pizzo Bernina

Le quattro stagioni nei Comuni di Valmalenco e Val Poschiavo
  • Montagne
Di profumo in profumo lungo il Pizzo Bernina

B-ICE & Heritage: I video

Documentari e monitoraggi che mostrano in modo diretto e inequivocabile le conseguenze dei cambiamenti climatici
  • Montagne
B-ICE & Heritage: I video

Val Venina

Piateda
  • Montagne
Val Venina

B-ICE & HERITAGE

Progetto Interreg di collaborazione tra Italia e Svizzera per la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale
  • Montagne
B-ICE & HERITAGE

Il museo dell'arrampicata e dell'escursionismo

Introdotta in Valmalenco all'inizio dell'Ottocento, l'arrampicata è giunta ai giorni nostri conquistando sempre più seguaci, grazie a una gloriosa tradizione di guide alpine.
  • Montagne
Il museo dell'arrampicata e dell'escursionismo

La fioritura nei pascoli e negli alpeggi

Le quattro stagioni nei Comuni di Valmalenco e Val Poschiavo
  • Montagne
La fioritura nei pascoli e negli alpeggi

Bando per la concessione di contributi a fondo perduto

Alle micro e piccole-medie imprese del commercio, turismo, artigianato e dei servizi
  • Montagne
Bando per la concessione di contributi a fondo perduto

Monitoraggio del ghiacciaio di Fellaria

Il progetto di monitoraggio del ghiacciaio del Servizio Glaciologico Lombardo
  • Montagne
Monitoraggio del ghiacciaio di Fellaria

Valle del Caldenno

Postalesio
  • Montagne
Valle del Caldenno

Val Fontana

Chiuro
  • Montagne
Val Fontana

Foliage in autunno

Le quattro stagioni nei Comuni di Valmalenco e Val Poschiavo
  • Montagne
Foliage in autunno

La fioritura dei ciliegi selvatici

Le quattro stagioni nei Comuni di Valmalenco e Val Poschiavo
  • Montagne
La fioritura dei ciliegi selvatici

Funivia - Trasporto Pubblico

Muoversi in Valmalenco
  • Montagne
Funivia - Trasporto Pubblico

Il museo diffuso del Serpentino

Il giovello: il luogo di nascita del prodotto simbolo della Valmalenco, la pioda
  • Montagne
Il museo diffuso del Serpentino

Lo sapevi?!?

Curiosità e aneddoti sul territorio di Sondrio e Valmalenco
  • Montagne
Lo sapevi?!?

Val di Togno

Spriana - Montagna in Valtellina
  • Montagne
Val di Togno

B-ICE & heritage - I progetti

I progetti di valorizzazione del territorio previsti nel contesto di B-ICE & Heritage
  • Montagne
B-ICE & heritage - I progetti

Thawing glacier

Documentario sullo scioglimento dei ghiacci in Valmalenco
  • Montagne
Thawing glacier

Fioriture in alta quota

Le quattro stagioni nei Comuni di Valmalenco e Val Poschiavo
  • Montagne
Fioriture in alta quota