• Enogastronomia

Ris e Revertis

Castello dell'Acqua

Un piatto originario della zona di Castello dell’Acqua, che associa riso e cime di luppolo selvatico. Si tratta di una pietanza tipicamente primaverile: le cime del luppolo selvatico spuntano rigogliose tra marzo e maggio.

Il luppolo selvatico è una pianta infestante che si trova principalmente ai bordi di fossi e boschi, lungo le rive dei fiumi e tra i rovi. Le parti più adatte al consumo sono le cime più grosse, dal sapore amarognolo ma molto delicato. Per la raccolta occorre però affidarsi a un buon conoscitore delle erbe selvatiche: esistono infatti altre specie dall'aspetto simile, ma tossiche. 

ingredienti per 4 persone:
  • 300 gr. di riso
  • 300 gr. di revertis (cime di luppolo selvatico)
  • 100 gr. di burro
  • uno spicchio di aglio
  • 50 gr. di formaggio grattugiato
  • 50 gr. di formaggio semigrasso
  • sale, pepe q.b.
PREPARAZIONE

Far scottare le cime di luppolo selvatico. Nel frattempo, cuocere il riso in abbondante acqua salata. Cinque minuti prima del termine della cottura aggiungere le cime di luppolo selvatico. Scolare e condire con il formaggio tagliato a cubetti e il soffritto di burro e aglio. Spolverare con del pepe prima di servire.

Dello stesso tema

Miele

L'apicoltura vanta tradizioni secolari in Valtellina, tanto che nell'antichità il miele veniva usato come moneta nei rapporti commerciali, quasi si trattasse di un oro liquido.
  • Enogastronomia
Miele

Polenta Cropa

Val d'Arigna
  • Enogastronomia
Polenta Cropa

Cotizza

Berbenno di Valtellina
  • Enogastronomia
Cotizza

Cunsc

Valmalenco
  • Enogastronomia
Cunsc

La scuola...in forma - A scuola di montagna

Viaggio presso aziende agricole della provincia di Sondrio alla scoperta del ciclo del latte e della lavorazione dei suoi derivati
  • Enogastronomia
La scuola...in forma - A scuola di montagna

Pizzoccheri

Il piatto principe della cucina valtellinese da alcuni anni è tutelato e valorizzato dall'Accademia del Pizzocchero di Teglio che ne ha codificato la ricetta e promosso l'immagine in Italia e nel mondo.
  • Enogastronomia
Pizzoccheri

Ris e Revertis

Castello dell'Acqua
  • Enogastronomia
Ris e Revertis

Formaggio e miele - A scuola di montagna

Laboratorio di scoperta del ciclo produttivo e di lavorazione di latte e miele
  • Enogastronomia
Formaggio e miele - A scuola di montagna

Oss de Mòrd

Lanzada
  • Enogastronomia
Oss de Mòrd

Ricette di montagna

Alla scoperta della tradizione gastronomica di Sondrio e Valmalenco.
  • Enogastronomia
Ricette di montagna

Vino

La coltivazione dei vigneti risale ad epoche antichissime ed ha plasmato il territorio, dando vita al panorama unico dei terrazzamenti.
  • Enogastronomia
Vino

Costine al lavécc

Valmalenco
  • Enogastronomia
Costine al lavécc

Mele

La coltivazione delle mele in Valtellina risale a tempi remoti, ma è dagli anni '50 che ha assunto le dimensioni che oggi conosciamo, arricchendo di colori e profumi il fondovalle valtellinese da Sondrio al Tiranese.
  • Enogastronomia
Mele

Taroz

Valtellina
  • Enogastronomia
Taroz

Castagne

Sondrio e i comuni intorno sono alla quota ideale per la raccolta delle castagne.
  • Enogastronomia
Castagne

Rüsümada

Valtellina
  • Enogastronomia
Rüsümada

Minestra di ortiche

Valmalenco
  • Enogastronomia
Minestra di ortiche

Bresaola

Uno dei prodotti simbolo della Valtellina, ottenuto attraverso il metodo di conservazione della carne mediante salatura ed essiccamento.
  • Enogastronomia
Bresaola

Piode e Lavecc

Le montagne in Valmalenco non fanno solo la felicità degli amanti delle attività all'aria aperta, ma anche dei golosi.
  • Enogastronomia
Piode e Lavecc

Gnocchi con i "cucul"

Valmalenco
  • Enogastronomia
Gnocchi con i